Idee

Ascoltare musica all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia

Condividi

Per i bambini l’ascolto della musica è legato al movimento spontaneo del corpo.

Se l’adulto si muove sulla musica, il bambino viene mosso dalla musica. La reazione motoria e vocale agli stimoli musicali, infatti, è istintiva e si può osservare fin dai primissimi mesi di vita.

Col tempo il bambino diventa sempre più padrone del suo corpo in movimento e ama esprimersi atraverso il movimento nello spazio. In presenza di musiche riprodotte ad alto volume o dal ritmo incalzante egli potrà sentire un irrefrenabile impulso a muoversi, specialmente se si trova in uno spazio ampio e in gruppo con altri bambini.

Sarà utile guidarlo in attività di movimento che ne rispettino la spontaneità, evitando assolutamente di richiedergli in modo esplicito movimenti prestabiliti (come marciare, battere le mani, etc…) o di organizzare prematuramente piccole sequenze motorie a carattere coreografico. Il movimento spontaneo ispirato dalla musica ha, infatti, per il bambino una funzione di scoperta della sintassi musicale.

«… lei non interveniva mai a correggere, né insegnava i movimenti. Sapeva bene la regola che rispetta i bambini: la musica parla da sola, dire cosa si “deve” fare non serve; uccide l’ascolto.»

Grazia Honegger Fresco, In ricordo di Vittoria Fresco, in «Il quaderno montessori», 35, 1992

 

Condividi